Sono entrato in camera e dormiva. Indossava, però, un completino intimo nero così sexy che non ho saputo resistere e l’ho cominciata a toccare. Le ho accarezzato le tette grandi e nel frattempo mi sono sparato qualche sega. Il mio cazzo è diventato una nerchia tosta e l’ho svegliata. Alla vista del mio uccello rifatto, quella troiona lo ha afferrato con le mani e se l’è messo in bocca: me l’ha succhiato in modo prepotente e poi mi ha chiesto di scoparmela. Me la sono trombata per ore, da davanti, da dietro e a ogni colpo lei ansimava e ne chiedeva ancora.